info@primoascolto.it

ALBERTO URSO – SOLO [RECENSIONE]

Alberto Urso, per quei pochi che non lo conoscono, è uno degli allievi del talent ”Amici”, tra i più accreditati per la vittoria finale. Ma non aspettatevi il ragazzino scanzonato che canta su basi trap: Alberto, a dispetto dei suoi 21 anni, sembra un artista navigato e completo, grazie probabilmente al forte impatto causato dalle sue doti canore.

”Solo”, il suo nuovo lavoro, è l’album più lungo tra i ragazzi del talent che si sono visti pubblicare un progetto recentemente: presenta infatti ben undici brani, di cui due cover. E tra quelle nove canzoni inedite non si parla altro che d’amore, nelle sue più intrinseche sfaccettature. 

”Indispensabile”, brano d’apertura, mette subito in mostra le doti canore da tenore del ragazzo, ed è dedicata ad una lei, miglior scelta della sua vita, che gli ha mostrato che cos’è davvero l’amore;  ”Non sarebbe passione”, invece, evoca con trasporto e intensità le emozioni provocate da un ferrigno rapporto sentimentale, usando un percorso canoro e armonico che ricorda i vecchi cantautori della musica italiana.

”Accanto a te” è un brano nostalgico, che rimette in piazza le impressionanti doti canore del giovane talento: così come nel raccontarci l’amore al capolinea in ”A un passo”, l’autore ci propone la sfumatura più malinconica del suo rapporto con l’amore, mantenendo le stesse tematiche (leggermente più critiche e pungenti) anche nella ballad ”Ti lascio andare”. 

Rispetto alle altre tracce, ”Il rumore del mare” è quella che forse esula più di tutte, sia a livello di contenuti che a livello musicale: qui, l’imprevedibilità dell’amore viene scandita su ritmi più poppeggianti, dando maggior vigore ad un album che diversamente correva il rischio di diventare troppo serioso e impostato.

Gli altri tre inediti presenti in questo lavoro raccontano fondamentalmente il nerboruto e viscerale impatto dell’amore sull’esistenza delle persone: si passa infatti dalla presenza rassicurante di lei in ”Accanto a te” alla forte influenza emotiva e sentimentale di ”Vento d’amore”, ribadito con l’aggiunta di un pizzico d’incoscenza anche nel brano successivo, ”L’amore si sente”. 

Come detto in precedenza, a chiusura dell’album ci vengono proposte due cover: la prima, ”Guarda che luna” di Fred Buscaglione, viene ripercorsa in chiave jazz con la collaborazione di una maestosa Arisa, mentre l’ultima traccia del disco è il remake di ”Adesso tu” di Eros Ramazzotti. 

Finalmente, tra i giovani talenti di casa nostra emerge anche qualcosa di inusuale: l’ipnotica possanza canora di Alberto Urso è una manna dal cielo per la musica italiana, e va a discostarsi dal resto degli artisti presenti al talent, sicuramente musicalmente più moderni ma meno d’impatto. 

 

TRACCIA PREFERITA: ACCANTO A TE

GIUDIZIO FINALE
7.5/10
Please follow and like us:
error

6 risposte

  1. Emanuela ha detto:

    Sei semplicemente una sorgente di emozioni, la tua nobiltà d’animo viene fuori in ogni tua performance. I tuoi genitori devono andar fieri dell’artista che sei e della bella persona che è in te! Ad maiora caro Alberto con tutto il mio cuore

  2. Angela ha detto:

    Alberto Urso e’ un vero artista la sua voce arriva dritta al cuore…merita la vittoria ad amici…in bocca a lupo…gli auguro che questo sia il primo di una lunga serie e di una bellissima carriera.

  3. Tiziana ha detto:

    È un vero talento tutto italiano e stramerita assolutamente la vittoria sperando che ques’ultima possa fare ancora accrescere la sua passione nata come tenore.

  4. Steven ha detto:

    Impattante solo tecnicamente per le sue doti vocali, anche se di voci meravigliose ne esistono moltissime ma non tutti hanno la “fortuna” o “l’opportunità” di essere accettati da uno dei tanti carrozzoni di “bruciatalenti” come Amici.
    Questa edizione è stata vinta da uno stile vecchio e clone di Bocelli e Il Volo.
    Operazione quindi molto furba.
    Ormai il nostro paese è in confusione in fatto di musica.
    A Sanremo vince Mamhood e Alberto Urso diventa un astro nascente….!!
    Ora bisognerà solo attendere che questa “luce abbagliante”, si affievolisca lentamente da sola e cominci a “vivacchiare”, così come è stato ed è per altri vincitori di Amici .
    Quindi nulla di nuovo all’orizzonte.
    Si persegue nel NULLA, senza nemmeno la possibilità di avvicinarsi un po’ al ricambio di qualità che è venuta a mancare da Mango, Dalla, Daniele, Baroni, Gaetano ecc.
    Godiamoci i VERI artisti che sono rimasti e che hanno segnato e segnano, in alcuni casi, anche 3 generazioni.
    Anche Alberto dovrà godersi quanto più potrà, i gridolini isterici di adolescenti in calore.
    Sicuramente il suo stile avrà più soddisfazioni all’estero.
    Fra 4 anni forse lo vedremo all’Isola dei Famosi e se saranno 10, in tutta Italia, a ricordarsi a memoria una sua canzone, sarà un miracolo.
    Complimenti per la vittoria e come da copione ti rivedremo a Sanremo…!

  5. tania vlasov ha detto:

    Sei grande in tutto sei unico in tutto ci fai volare ci colmi il cuore di amore,sei bello gentile euducato sensibile ,hai una voce stupenda
    che dire “Hai tutto” continua a donarci emozioni per le quali ti dico “grazie” di cuore
    Tania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *