info@primoascolto.it

Amill Leonardo – Celine [RECENSIONE]

Il ritorno sulla scena del rapper Amill Leonardo passa da “Celine”, nuovo progetto inedito plasmato dal classe ’93 di origini marocchine ma cresciuto a Cinisello Balsamo, base degli anni di gavetta che l’ hanno visto spaziare dall’ R’n’B al Rap; per il suo quinto album l’artista si affida invece ad un progetto caratterizzato da sonorità prettamente trap, prodotto da Biggie Paul e Seck.
“Celine” è un’esplicita dedica alla figlia nata da poco, che si trasforma in un incentivo a migliorarsi come uomo ed a lasciarsi alle spalle tutto i trascorsi malandrini, gli stessi da cui l’album prende spunto: le liriche del rapper ruotano intorno a tematiche come la vita di strada, l’esperienze di vita che lasciano il segno (“Maria”), ma anche la voglia di redimersi alla ricerca del successo, come in “Work”.
È evidente, inoltre, l’ispirazione del rapper da parte dei colleghi francesi, sia da un punto di vista sonoro, con i forti richiami delle “banlieue” (come in “A domani”), sia come background, per via delle innumerevoli citazioni alle celebrità transalpine; nel complesso risente, però, di una certa carenza di dinamismo, al quale si sarebbe potuto ovviare con la presenza di ospiti più eterogenei.
Ottimo il livello produttivo, anche se lo smodato utilizzo dell’autotune penalizza in alcuni casi le linee melodiche del progetto; la metrica risulta essere invece minimale e non troppo articolata, ma comunque d’effetto.
Insomma, un disco tutto sommato buono che lascia intravedere nuovamente ottime potenzialità: la speranza è che Amill Leonardo possa raggiungere finalmente la consacrazione nel prossimo futuro.

TRACCIA PREFERITA: Celine

TESTI
3.3/5
MUSICA
3.5/5
ORIGINALITA'
3.3/5

Tags: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.