info@primoascolto.it

Bluem – Notte [RECENSIONE]

La cantautrice e produttrice sarda Bluem (all’anagrafe Chiara Floris) ci presenta il suo nuovo album “Notte”, un progetto selvaggio e affascinante che racconta attraverso i giorni della settimana un susseguirsi di sensazioni ed esperienze guardate dalla profondità dell’oscurità.
Estremamente evocativo, mescola il dolore e la sofferenza ad una sensazione di serenità solitaria data dalla capacità di usare quella stessa malinconia per creare e rinascere.
I brani seguono, appunto, il susseguirsi dei giorni: “Lunedì” gioca molto sulla parola tempo e sul suo peso nella vita e nella capacità di non sprecarlo con le persone sbagliate, mentre “Martedì” è invece più mistica, quasi come il destino in mezzo alle carte. “Mercoledì” è al contrario più vibrante: una canzone introspettiva e di autoanalisi, come una cura, una consapevolezza nel lasciar andare qualcosa che fa male, che crea un disagio, una sensazione malsana che invade la mente e i propri spazi; Come alla fine di un percorso, con “Giovedì” muore la sera: un brano che si accompagna dalla purezza del pianoforte, che più che parlare a qualcuno sembra voler svelare l’intimità del proprio mondo.
Diversa e distaccata è invece la traccia di “Venerdì” che incomincia con l’intro di una voce matura, vicina, tenera e sincera. Scopriamo poi essere una nonna che racconta, accompagnata da una base piena e trascendentale dei ricordi, dei pensieri e dei momenti di vissuto personale. Arriva il weekend di “Sabato” nella solitudine di un deserto con l’acqua alla gola: una ricerca spasmodica di qualcosa che non si sa nemmeno cos’è. Infine, finalmente, “Domenica”, l’unico vero brano che racconta una storia di due persone, rese sonoramente da due voci registrate che restituiscono un coro. Nasce lento e pulito dal suono della chitarra e man mano si arricchisce di percussioni che rendono il brano mistico e quasi ritualistico.
Nel complesso, “Notte” è un album facile per quanto riguarda la semplicità dell’ascolto: il suono risulta pulito, mai invadente e molto orecchiabile, inoltre i testi sono più ricercati per quanto riguarda il senso e l’intenzione.

TRACCIA PREFERITA: Lunedì

TESTI
3.2/5
MUSICA
4/5
ORIGINALITA'
3.7/5

Tags: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *