info@primoascolto.it

Categoria: Recensioni

Aigì – Notte sul pianeta Terra [RECENSIONE]

L’evoluzione artistica di Antonio Il Grande trova linfa nel progetto Aigì, nuovo pseudonimo con cui il giovane artista calabrese ha deciso di proseguire il percorso tracciato dall’uscita dell’ EP “Partirei da qui”, edito con il vero nome del cantautore classe ’97 e dato alla luce poche settimane prima dell’esplosione della pandemia. Dallo scorso 19 febbraio…
Leggi tutto

I Enne Kappa – Overthink mixtape [RECENSIONE]

“Overthink Mixtape” è il titolo del primo progetto inedito del rapper catanese I Enne Kappa, disponibile dallo scorso 21 febbraio nei principali digital stores. Otto brani in cui il 22enne artista esterna il proprio egotrip, ma intervallandolo con pezzi più concious (“Plaza”, “Mondo di plastica”) e qualche spunto introspettivo e passionale (“Calzette Jordan”): I Enne…
Leggi tutto

Battito – Ora senza te [RECENSIONE]

“Ora senza te” è il titolo del secondo singolo di Battito, giovane cantautore di belle speranze che ha esordito nel mercato discografico lo scorso luglio con il brano “Noi due”, capace di ottenere un discreto numero di streaming e visualizzazioni. Davide (vero nome dell’artista) nel suo nuovo progetto si espone in maniera sincera ed impulsiva…
Leggi tutto

Venerus – Magica musica [RECENSIONE]

Il meritato successo dell’album “OBE” di Mace ha spostato (volontariamente) l’attenzione sul primo long play di Venerus, artista 28enne tra i più performanti nell’album d’esordio del producer milanese: il sodalizio artistico si è infatti ulteriormente affinato in “Magica Musica”, progetto di 16 brani pubblicato lo scorso 19 febbraio. Un lavoro che, come da pronostico, si…
Leggi tutto

Antonio Aiazzi, Gianni Maroccolo – Mephisto ballad [RECENSIONE]

Antonio Aiazzi e Gianni Maroccolo, a fianco dei Litfiba da 40 anni, con “Mephisto Ballad” decidono di riportare alla luce l’atmosfera che si respirò alla “Mefiistofesta”, party performativo della band toscana data il giorno di carnevale del 1982. Della “Mefiistofesta” non rimangono documenti, ma quello che è certo è che l’evento rimase scolpito nella storia…
Leggi tutto

Il Tre – Ali – Per chi non ha un posto in questo mondo [RECENSIONE]

“Ali” è il titolo dell’ultimo album de Il Tre, giovane rapper romano destinato con questo nuovo progetto a scalare le classifiche ed a implementare la propria fanbase. Tecnicamente e qualitativamente valido, Il Tre ci regala un prodotto ricco di spunti, riflessioni e sentimento, ben distribuiti tra le quindici tracce edite per Warner Music Italy: al…
Leggi tutto

Stona – Abbiamo perso tutti [RECENSIONE]

Il cantautore piemontese Stona ha pubblicato lo scorso 17 febbraio “Abbiamo perso tutti”, primo di due Ep prodotti da Guido Guglielminetti, storico capobanda e produttore di Francesco De Gregori, nonché colonna portante della musica italiana da Battisti ad oggi. I quattro brani di questo lavoro descrivono atmosfere riflessive e malinconiche, scelta artistica dell’autore che si…
Leggi tutto

TJ Scratchavite – Sono suono sogno [RECENSIONE]

TJ Scratchavite deve il suo nome all’arte dello “scratching”, ossia la tecnica consistente nella manipolazione e inversione di un campione di suono in modo tale da farlo adattare alla ritmica sottostante; “Sono Suono Sogno” è invece il titolo del primo EP dell’artista, il quale mette subito in risalto la particolare bravura del dj. Le 5…
Leggi tutto

Gruppo Palude – Archè [RECENSIONE]

Si intitola “Archè” (in greco “origine”) il primo album della band lombarda Gruppo Palude, uscito il 16 febbraio e anticipato dai singoli “Mayday” , “Stop” e “Pillola Azzurra”. Un lavoro artistico di forte impatto che, pur mantenendo una coerente vena hard rock per tutte le dieci tracce, è capace anche di spaziare tra diversi generi…
Leggi tutto

Sem&Stenn – Agarthi [RECENSIONE]

“Agarthi” è il titolo dell’ultima opera concepita da Sem&Stènn, a quasi tre anni dal primo progetto inedito “Offbeat” plasmato pochi mesi dopo l’uscita del duo dal talent X-Factor. Un album caratterizzato da sonorità estremamente particolari, tant’è che la prima canzone (che poi è la titletrack) ricorda la dance anni ’80 mescolata ai Rammstein più elettronici.…
Leggi tutto