info@primoascolto.it

Il Corpo Docenti: Milioni di strade Recensione Singolo | Primo Ascolto

Abbiamo appena finito di imparare a memoria tutti i testi di “Un posto sicuro”, il secondo album de Il Corpo Docenti, ed ecco che Lorenzo, Federico e Luca ci stupiscono con “Milioni di strade”, brano rilasciato lo scorso 9 settembre in collaborazione con il giovane produttore e dj romano Yuks.
Due mondi che si scontrano, si fondono e danno vita ad una forma ibrida di fare musica, che racchiude l’impronta profondamente rock della band milanese e la mescola alla scena emo-pop romana.

“Nasconditi, aspettami qui, dove i palazzi riflettono il sole e le persone riescono sempre a non farsi capire”: inizia così “Milioni di strade” e ci proietta in una grande città, magari proprio in quel momento di limbo che è la stagione estiva: il giorno sta volgendo al termine, i palazzi riflettono il rosso del tramonto e ci nascondiamo dietro ad un silenzio carico di parole che non riescono ad uscire dal nostro petto, ma che sappiamo prima o poi sarà inevitabile pronunciare ad alta voce. Arriva piano, di soppiatto, quella sensazione di non capire più la persona al nostro fianco, proprio lei che pensavamo di conoscere anche meglio di noi stessi e che sembra quasi schermata da un velo impalpabile ma visibile.

“Ti deluderò anche se ti ci abituerai” racconta una sensazione che, lentamente, ci consuma e ci logora, trascinandoci sempre più verso il basso: un giorno ci sveglieremo riscoprendoci profondamente sbagliati insieme, riconoscendo i nostri sbagli spesso dettati da un legame passato piuttosto che da sentimenti presenti e vivi. Il Corpo Docenti ci ricorda che le strade della vita sono milioni, che ogni nostra decisione presuppone una conseguenza decisiva per il nostro futuro, ed è per questo che non dovremmo mai sprecare neanche una sola occasione per fare quello che vogliamo davvero, che sia allontanarsi o riprovarci: la decisione spetta a noi, e puntare ad un domani migliore non potrà che aiutarci nelle nostre scelte.

Il Corpo Docenti coglie l’occasione e sperimenta: “Milioni di strade” ci fa attraversare un turbinio di emozioni, costringendoci a mettere il brano in riproduzione continua.,

TESTI
4/5
MUSICA
3.7/5
ORIGINALITA'
3.7/5

Tags: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.