info@primoascolto.it

Corteccia – Il ritorno dei viaggiatori [RECENSIONE]

Ad un anno di distanza da “Quadrilogia degli stati d’animo” Pietro Puccio e Simone Pirovano, aka Corteccia, rilasciano il singolo “Il ritorno dei viaggiatori”, per anticipare l’uscita del nuovo progetto “Quadrilogia delle distanze”.

Anche in questo brano, proprio come nel primo progetto, si racconta di sensazioni, sentimenti e stati d’animo che possiamo tranquillamente riconoscere nella nostra quotidianità, attraverso un sound da ballad classico, con pianoforte e batteria che scandiscono il ritmo e le voci del duo lombardo che si armonizzano alla perfezione. Il brano ci risveglia e ci rendiamo conto che ci sono delle distanze che vorremmo colmare, persone che vorremmo rivedere, luoghi che da tanto tempo non visitiamo o che non abbiamo mai visitato: Corteccia ci fa tornare la voglia di viaggiare dopo questo periodo di chiusure e di vita vissuta tra quattro pareti, tanto che la possibilità di prendere un treno verso l’ignoto, o il noto, ci dà una scossa, un brivido piacevole. Numerose sono le sensazioni che proviamo in viaggio: incrociamo persone, e ci chiediamo quale sia la loro storia, con quelle valigie, i pacchi, i fiori in mano; pur sfiorandole appena, con gli occhi e con la mente, ci facciamo talmente tante domande su di loro e siamo talmente concentrati a trovare le risposte che sbagliamo binario, confondendo i treni. Ed ecco che allora ci perdiamo, arriviamo a destinazioni sbagliate, ma siamo comunque in viaggio, e ritroveremo la voglia di stupirci, di emozionarci per un paesaggio con i colori autunnali, chiedendoci come potrebbe essere in un’altra stagione. 

Le distanze che ci canta Corteccia rendono possibile il ritorno dei viaggiatori, che, senza perdere ulteriore labile tempo, partono.

A differenza della prima quadrilogia, più alternative ed elettronica, “Il ritorno dei viaggiatori” è indirizzato verso un sound più classico, seppur mantenendo l’integrità musicale e le ritmiche decise, che si addice al tema del nuovo progetto: non vediamo l’ora di sentire la novella quadrilogia al completo, che ci trasporterà sicuramente in una dimensione sospesa tra realtà e cieli plumbei.

TESTI
4/5
MUSICA
3.7/5
ORIGINALITA'
3.7/5

Tags: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *