info@primoascolto.it

Il Volo – Ad Astra | Recensione | Primo Ascolto

Dopo anni di successi e un repertorio che ha spesso abbracciato classici senza tempo, Il Volo si lancia in una nuova avventura musicale con “Ad Astra“, il loro primo album composto interamente da inediti che ha visto la luce lo scorso venerdì.

Questo progetto rappresenta un traguardo significativo per Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble, che hanno voluto dare un seguito a quanto mostrato all’ultimo Festival di Sanremo con il brano “Capolavoro”: spostarsi su venature più pop, senza rinnegare il passato.

“Ad Astra” è un album che celebra i 15 anni di musica insieme del trio e si presenta come un lavoro curatissimo, grazie alla collaborazione di oltre un anno con un team di autori e producer rilevanti: la scelta del titolo, che in latino significa “verso le stelle”, riflette infatti l’ambizione e la grandezza di questo progetto.

La musica di “Ad Astra” si sviluppa attraverso atmosfere intimistiche, arie liriche e suggestioni pop, mostrando la versatilità e la maturità artistica raggiunta dal gruppo. Non ci sono grossi mutamenti stilistici tra una traccia e l’altra, ma forse è proprio questo l’obbiettivo del lavoro: ascoltandolo tutto d’un fiato ci si immerge in un viaggio sensoriale intimo e liricamente delicato, che lascia però poco spazio ad argomentazioni diverse dall’amore e i relativi dubbi esistenziali.

Tra le tracce spicca “Opera”, un brano che celebra la voglia ed il bisogno di stare uniti forse con l’obbiettivo di mettere a tacere le voci su una loro crisi interna; piace anche la collaborazione con Irama in “Saturno e Venere”, segno della contaminazione stilistica citata in precedenza.

In conclusione “Ad Astra” rappresenta una tappa intermedia nel percorso artistico del trio, in cerca di una propria identità che possa collocarli all’interno dei un mercato discografico in continua evoluzione: sarà solo il tempo a dirci se la loro scelta verrà premiata.

 

Tags: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *