info@primoascolto.it

Ketama126 – Armageddon [RECENSIONE]

Ormai si sa: i rapper sono le nuove rockstar. Ketama126, invece, è una rockstar che si è data al rap. Non perché prima facesse un altro genere, ma per i suoi gusti musicali, l’estetica e l’attitudine. Nei suoi testi Ketama non ha mai fatto mistero delle proprie dipendenze, ha raccontato la sua vita senza filtri, a volte usando espressioni e metafore forti, capaci di rendere ancora più credibili i suoi racconti.

“Armageddon” arriva a tre anni di distanza dal suo disco di debutto, ma nel frattempo il rapper non è stato fermo, anzi ha collezionato un numero importante di collaborazioni prestigiose ed è riuscito ad elevare il suo status, diventando così uno degli artisti più apprezzati del panorama italiano.

Il disco è molto corposo – contiene ben diciassette tracce – ma la durata complessiva del prodotto è nella media. In questo modo l’artista è riuscito a spaziare con le sonorità, trattare diversi argomenti e provare a imbastire anche uno storytelling – “RAGAZZI FUORI” – forse semplice dal punto di vista tecnico ma non da quello narrativo.

In “ANIMALE” troviamo un Noyz Narcos in splendida forma accompagnare il padrone di casa su un beat che ruota attorno al sample di “Open Up Your Love” dei The Whisperers; “COCA ROSA” e “TANGA” utilizzano un beat molto orecchiabile e dal sapore estivo, mentre “DIMENTICARE” e “STOP” ammorbidiscono l’atmosfera con delle produzioni leggere e per niente invasive. “BIG BANG”, “SU E GIÙ” e l’intro, invece, sono più aggressive: l’uso della 808 conferisce un’aura cupa attorno alle tracce, ma la voce strascicata dell’artista si contrappone e smorza l’effetto.

Se il secondo album è il più complesso, Ketama ha superato l’ostacolo senza troppe difficoltà. Il periodo di stop causato dalla pandemia ha dato modo all’artista romano di prendersi del tempo per riflettere sulla propria carriera, e dal momento in cui le restrizioni sono venute meno è tornato a vivere una vita al massimo come ha sempre fatto, per poi raccontare tutto in un disco che se dovessimo descrivere con una parola sarebbe “sincero”.

TRACCIA PREFERITA: RAGAZZI FUORI

TESTI
3.5/5
MUSICA
4/5
ORIGINALITA'
4/5

Tags: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.