info@primoascolto.it

Lamecca: “Siamo affamati, tante cose bollono in pentola” [INTERVISTA]

Abbiamo recentemente intervistato i LAMECCA, fuori da pochi giorni con il loro singolo di debutto “Ginger“: un pezzo alternative rock in cui la cantante si rivolge a sé stessa e alla ragazzina che era, profondo nel testo ed audace nelle sonorità.


Buongiorno ragazzi, benvenuti su Primo Ascolto.
A due anni dalla vostra formazione è finalmente giunto il momento del debutto discografico:
quanto siete soddisfatti del risultato ottenuto con “Ginger”? Immaginiamo che il vostro sviluppo artistico sia stato fortemente condizionato dalla pandemia…

È stato un percorso più lungo e tortuoso del previsto. Com’è facile immaginare, le release della nostra musica sono soprattutto funzionali ai live e, viste le ben note difficoltà, abbiamo temporeggiato un po’. Questo però ci ha permesso di curare con calma ogni dettaglio e di costruire una squadra di lavoro che ci sta dando una grossa mano con la promozione. Per ora siamo contentissimi di come le cose si stanno muovendo, ma aspettiamo come il pane la possibilità di esibirci su di un palco.


Con l’avvento di Vincenzo alla seconda chitarra pensate di aver trovato l’assetto definitivo
per l’idea di musica che avete in progetto?

Sì, Vincenzo è l’amico che viene a vedere tutte le prove, partecipa alle discussioni e ogni volta che prende la chitarra tra una pausa e l’altra crea qualcosa di bello, è come se fosse sempre stato parte della band. Semmai un giorno dovessimo sentire il bisogno di arricchire ulteriormente il nostro sound, le nostre scelte avverranno in modo spontaneo e naturale.


In una settimana avete superato il migliaio di ascolti su Spotify, risultato non scontato per un esordio assoluto: sono dati a cui state facendo caso oppure, al momento, interessano relativamente?

Chiaramente il nostro obiettivo non è quello di fare numeri, ma se vuoi fare il musicista nel 2021 non puoi non farci caso e devi per forza tenerli d’occhio e analizzarli. Stiamo riuscendo a suscitare tanta curiosità e ad avere molti feedback positivi. Già ci sono stati i primi articoli, passaggi in radio e tv, inserimenti in playlist Spotify… Ora dobbiamo fare tutto il possibile per non deludere questa curiosità e consolidare una nostra fanbase. Anche in questo ci aiuterà senz’altro poter suonare dal vivo.


Il testo di “Ginger” è stato scritto da Rossella, che è anche la protagonista retroattiva del brano: è un modus operandi che ritroveremo anche in futuro oppure verranno coinvolti anche gli altri membri nella stesura delle liriche?

Rossella scrive da prima di avere una band. I viaggi, i ricordi e i suoi sentimenti sono sempre annotati da qualche parte ed è importante il suo coinvolgimento emotivo nella stesura di una canzone. Può capitare il contributo degli altri nella scrittura di un testo, ma non è una prerogativa: tutto succede in modo molto naturale ed è importante che tutto resti genuino in quello che facciamo.


Ultima domanda, prima di salutarci: quali sono i vostri progetti ed obiettivi a lungo termine? Parlo di album, attività live, ecc…

Essere stati costretti a casa per tanto tempo ci ha fatto venire la smania di condividere canzoni, videoclip, album e concerti, anche se non sappiamo ancora in quale ordine avverrà tutto questo. Tante cose bollono in pentola e noi siamo affamati, ma continueremo a svelarci a poco a poco. Aspettatevi novità nei prossimi mesi.

Tags: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *