info@primoascolto.it

Loredana Bertè – Manifesto [RECENSIONE]

Il 5 novembre è uscito “Manifesto”, il nuovo album dell’icona nazionale Loredana Bertè.
Un disco che nelle sue dieci tracce spazia tra sonorità differenti, dove troviamo anche collaborazioni con esponenti vecchi e nuovi della scena rap italiana.
Un lavoro nel quale emerge una forte tendenza a strizzare l’occhio al mercato, sacrificando un pò dell’identità di un’artista considerata una delle più significative di sempre nel panorama italiano, sia per generi che per contenuti.
La Bertè in questo album perde sfumature della propria vocalità, del suo essere controtendenza, del coraggio di sperimentare, portando fuori canzoni pop di scarso spessore.
Questa sensazione arriva soprattutto dai primi due brani, “Bollywood” e “Lacrime in limousine”, quest ‘ultimo featuring con Fedez.
Ritroviamo la vera Loredana nella traccia numero tre “Ho smesso di tacere”, dove la voce graffiata e un testo autobiografico le si cuciono addosso alla perfezione.
“Florida” è invece un reggaeton in coppia con il rapper Nitro, dove troviamo nuovamente un senso di inadeguatezza per stile e argomenti.
“Dark lady” è un brano cupo che racconta un pezzo della storia della cantante e dei suoi eccessi, mentre “Figlia di…” è una sorta di manifesto su un sound che strizza l’occhio a ritmiche caraibiche.
La canzone più intensa è “Chi non muore si rivede”, intima ed emozionante anche grazie ad un’interpretazione carica e malinconica.
Segue il featuring con J-Ax in “Donne di ferro”, altro brano scritto probabilmente con l’intenzione di scalare le classifiche, scarso di pathos ma buono per il mercato.
Ritorna un accenno al reggae, del quale Loredana è stata coraggiosa pioniera nel nostro paese, nella linea di basso di “Quelle come me”, che si trasforma poi in un brano dalle sfumature più rock.
Chiude la tracklist “Persa nel supermercato”, un bel pezzo nel quale la vocalità ritrova nel ritornello le melodie che la caratterizzano da sempre.
Da grande estimatore della Bertè, ammetto un po’ di delusione per un album che sembra voler conquistare giovani e giovanissimi, lasciando per strada un pezzetto dello splendore di questa grande artista.

TRACCIA PREFERITA: Ho smesso di tacere

TESTI
3/5
MUSICA
3.5/5
ORIGINALITA'
2.7/5

Tags: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.