info@primoascolto.it

Maldimarte – Vicini di caos [RECENSIONE]

“Vicini Di Caos”, prodotto da Michele Guberti (Massaga Produzioni) presso l’Animal House Studio in Ferrara e distribuito da Alka Record Label, è il primo EP dei Maldimarte, progetto agrigentino composto da Vincenzo Genuardi (voce e chitarra), Domenico Mistretta (chitarra), Domenico Sabella e Michele Guberti (basso) ed Emanuele Zappaterra (batteria). I testi sono stati composti da Vincenzo Genuardi e Massimiliano Lambertini, mentre Manuele Funaroli ha curato il mastering.
Sound che variano dal post-punk al post-rock e una voce intensa e graffiante contraddistinguono il disco, che comincia con “Respirerò”, il singolo che ne ha anticipato l’uscita. All’inizio del pezzo si può udire un synth che ci immerge in un’atmosfera molto vintage, per poi cambiare direzione verso sonorità più shoegaze e vivaci che accompagnano un testo a proposito di libertà illimitata.

Segue “Distimia”, brano che ci parla del male e delle ingiustizie del mondo e di come noi vi reagiamo tramite un sound più post-rock che ricorda un po’ i Mogwai; tale impronta si ritrova anche in “Oro Logico”, terzo pezzo di “Vicini Di Caos”, in cui l’intensità della musica accompagna un testo che racconta di come ci si sente persi nonostante i tentativi di ritornare in sé stessi.
“Pirenei”, canzone narrante una storia d’amore agli sgoccioli, è l’ultima dell’EP, ed è caratterizzata da un sound principalmente dominato da una chitarra acustica e un piano, quindi più orientato verso l’indie.
I Maldimarte hanno tanto da dire, e l’hanno dimostrato con “Vicini Di Caos”, i cui testi e la cui musica offrono una ventata di freschezza e novità all’interno del panorama italiano, uscendo dall’orbita prettamente indie per sperimentare. Continuate così!

TRACCIA PREFERITA: Respirerò

TESTI
3.7/5
MUSICA
3.7/5
ORIGINALITA'
3.7/5

Tags: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.