info@primoascolto.it

Mattak: OVERT | Recensione | Primo Ascolto

Mattak è un rapper con diversi pregi, ma la prolificità non è sicuramente tra questi. Ovviamente tutto ciò non è un problema: finché la qualità dei progetti rimane alta possiamo comunque rispettare i suoi tempi, ma vedere un rapper con le sue capacità, attivo da ormai tantissimi anni non ottenere i risultati che meriterebbe, un po’ dispiace.

Le carte in tavola si stanno per rimescolare con “OVERT”, nuovo disco del rapper svizzero che a due anni dal lavoro precedente cambia totalmente rotta. Con quest’ultima frase non intendiamo dire che Mattak ha cambiato genere o è sceso a compromessi, semplicemente si è preso del tempo per sperimentare di più rispetto al passato e di conseguenza il disco suona diversamente rispetto agli altri progetti.

Una prima idea ce la dà la traccia d’apertura, “EX NOVO”, con delle note jazz che aprono e chiudono il beat ed una melodia soave in contrasto con il flow del rapper, mentre in “DON DADAIST” compare il feat che nessuno si sarebbe aspettato: quello di Guè.

Proseguendo con l’ascolto ci accorgiamo che a differenziare “OVERT” ci pensa la profondità del rap: se un difetto di “Riproduzione Vietata” era la vaghezza di alcuni argomenti, ora lamentarsi di questo aspetto è impossibile. “TO GET HER”, ad esempio, è uno storytelling che racconta con dovizia di particolari la tossicità di un rapporto; “LACRIME DI COCCODRILLO :’=8)” continua il racconto, ma dalla prospettiva di chi sta già superando la rottura; “SOLIPSÌA” è un flusso di coscienza in cui solo Silent Bob poteva affiancarlo, e “EQUILIBRIO” si contrappone sia per l’atmosfera che per la rabbia (in questo caso molto più controllata).

“OVERT” è l’esempio di come dovrebbe suonare un artista che vuole ampliare il proprio pubblico ma non vuole snaturarsi: i produttori coinvolti hanno reso il lavoro vario e originale, e il rapper è riuscito ad adattarsi perfettamente ad ogni sonorità, risultando a proprio agio in ogni occasione.

Traccia preferita: TO GET HER

TESTI
4/5
MUSICA
3.5/5
ORIGINALITA'
4/5

Tags: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *