info@primoascolto.it

Neima Ezza – Frero [RECENSIONE]

Amine Ezzaroui alias Neima Ezza, rapper classe 2001 facente parte della nuova ondata di rapper milanesi di “Zona 7”, offre al pubblico il singolo “Frero”. Insieme ad altri rapper di San Siro era passò alle luci della ribalta ad aprile 2021 per gli assembramenti creati presso piazzale Selinunte proprio per girare il suo nuovo videoclip: l’evento permise di far conoscere ulteriormente questo artista di origini marocchine, il quale ha esordito sulla scena nel 2018 con il singolo “Essere ricchi” per poi iniziare la sua carriera vera e propria. Il successo arrivò rapidamente , portando quest’ultimo ad essere uno degli artisti più conosciuti ed ascoltati sulla scena trap contemporanea.
Il brano “Frero” è interessante, sopratutto a livello musicale: le sonorità sono molto fresche, con influenze differenti ed utilizzo di uno stile da musica commerciale capace di dare un’impronta intrigante; il testo parla, appunto, di un “Frero”, ossia un fratello, raccontando come l’amicizia con quest’ultimo delinei ogni singolo evento della vita, ogni momento, sia i migliori che quelli più bui, sapendo sempre di poter contare costantemente sul suo appoggio. Dai giudizi degli altri per le umili origini presso le case popolari, all’arricchimento tramite azioni ai limiti della legalità, la costante della vita dell’artista è proprio l’amicizia con il “Frero”, pronto a sacrificarsi e costantemente impegnato a coprire le spalle.
Sì può senza dubbio migliorare sotto l’aspetto della stesura delle liriche e dell’originalità, ma ciò non pregiudica il pensiero su questo giovane artista, assolutamente da tenere d’occhio per i progetti futuri.

TESTI
3/5
MUSICA
3.7/5
ORIGINALITA'
3/5

Tags: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *