info@primoascolto.it

Poeta Non Laureato – Fuori dal mondo [RECENSIONE]

Dodici sono le tracce che compongono “Fuori dal mondo”, ultimo album del rapper milanese Poeta Non Laureato disponibile dallo scorso 30 aprile, a poco meno di tre anni di distanza dal debutto discografico con “Rumore”.
Uno spaccato di rap fuori dalle regole e dai canoni musicali moderni di questo genere,
in cui si percepisce la voglia di raccontare e raccontarsi senza maschere, mettendo a nudo anche le proprie debolezze e le proprie fragilità.
La prima traccia, “Intro/Calma”, è uno monologo in cui l’artista espone immediatamente le proprie intenzioni e le sue debolezze senza veli, spiazzando l’ascoltatore.
Ma attenzione a pensare che il disco venga esclusivamente percorso da una vena malinconica e/o riflessiva: l’arma più affilata che l’autore utilizza nelle sue tracce è l’ironia, spesso accompagnata da arrangiamenti molto “freschi” e leggeri, con sonorità che ricordano anche il funk anni ‘90.
Ed è così che, nel susseguirsi dei brani, Poeta Non Laureato si racconta e ci racconta la sua vita senza filtri, senza la necessità di mascherarsi da (passateci il termine) “SuperRapper”: è anche in questo senso che il secondo album dell’artista, in maniera molto interessante e godibile, si colloca allo stesso tempo sia dentro che “Fuori dal mondo”.

TRACCIA PREFERITA: Outfit

TESTI
3.2/5
MUSICA
3.5/5
ORIGINALITA'
3.5/5

Tags: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *