info@primoascolto.it

RAPHAEL GUALAZZI – HO UN PIANO [RECENSIONE]

Tra i protagonisti delle uscite della scorsa settimana annoveriamo il poliedrico pianista e cantautore 38enne Raphael Gualazzi, che per la prima volta nella sua carriera discografica ci propone un album completamente in italiano.

A distanza di tre anni e mezzo da “Love Life Peace”, album che lasciava già intravedere un mutamento, il buon Gualazzi ha infatti pubblicato “Ho un piano”, progetto anticipato dal singolo “Vai Via” e dal brano portato all’ultimo Festival di Sanremo, “Carioca”, dove si è fatto apprezzare in particolar modo da critica ed addetti ai lavori. 

L’album si apre con “Nah Nah”, brano di denuncia ma sopratutto di speranza: le musiche del pezzo lasciano subito presagire ciò che sarà, ovvero un progetto musicalmente eclettico e variegato; segue “Immobile aurora”, che si porta su sonorità swing ed r’n’b decisamente più urban nel ritornello: il testo va ad affrontare le classiche incomprensioni sentimentali, con una piacevole attitudine narrativa da parte dell’autore.

La terza traccia è il prima citato brano sanremese, “Carioca”: l’artista qui ci sottopone un testo che sottolinea l’attrazione che può ottenere il fascino sudamericano, riuscendo nell’impresa di far convivere magistralmente pianoforte, sonorità latine, fiati ed un incalzante ritmo dance; “Italià” è invece un brano fiabesco e cantautorale, che va ironicamente a narrarci una novella con protagonisti esponenti politici e fantomatici intrallazzi.

Con “Questa volta no” Gualazzi mescola sonorità soul e r’n’b, avvolgendoci con un brano introspettivo ed emotivo; “La libertà” poni dubbi esistenziali sul valore della parola protagonista del titolo: il brano ci pone una velata critica sociale, mettendo in discussione la libertà d’amare, d’espressione, e di prendere decisioni.

Dopo “Parodia”, brano in cui le sonorità si fanno più inconsuete, quasi sperimentali, incontriamo il singolo “Vai via”: il brano, coaudivato da un intrigante sottofondo blues, è di forte impatto emotivo, e va ad enunciare il sacrificio del sentimento dell’autore per salvaguardare la felicità della protagonista del pezzo; segue la malinconica “Broken Bones”, dove Gualazzi affronta in maniera nostalgica il ricordo di una storia verosimilmente naufragata.

In “Per noi”, penultimo brano dell’album, i toni si riaccendono improvvisamente: Raphael incita a suo modo alla salvaguardia del pianeta, avvalendosi di un ritmo urban latino spalleggiato dall’immancabile pianoforte; chiude il progetto “E se domani”, magistrale cover del celebre brano di Mina interpretato insieme a Simona Molinari, spalla quanto mai azzeccata di Gualazzi nella serata sanremese dedicata alle cover.

In conclusione, “Ho un piano” di Gualazzi è un album che consigliamo fortemente a tutti: nonostante le sonorità e l’attitudine melodica dell’artista possano sembrare di nicchia, questo progetto può rappresentare la vera consacrazione dell’artista marchigiano, che va a confermare le impressioni positive emerse durante la kermesse sanremese e che ci consegna un’artista vero, innovativo e finalmente maturo.

 

TRACCIA PREFERITA: VAI VIA

GIUDIZIO FINALE
8/10
Utilizzando questo link potrete ottenere “HO UN PIANO”, il nuovo album di RAPHAEL GUALAZZI, il prima possibile e comodamente a casa: PRIMO ASCOLTO è diventata partner ufficiale AMAZON, ed oltre a garantire la spedizione tramite i loro corrieri ti offre il servizio di assistenza pre e post vendita.
Se sei cliente AMAZON PRIME

Acquistando dal nostro sito tramite il link qui sotto che porta ad Amazon, riceverete a casa vostra nei tempi previsti dalla spedizione il prodotto selezionato; inoltre, potrete usufruire dell’assistenza gratuita fornita da Primo Ascolto, che vi indicherà come procedere per preordinare ed effettuare l’acquisto in caso di necessità. 
Non se cliente Amazon Prime? Contattaci col form qui sotto, te lo spediamo noi!! 

 THI
CONTATTACI
Please follow and like us:

Tags: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *