info@primoascolto.it

Rasty Kilo – Cinzia [RECENSIONE]

Dai tempi in cui militava nei Rapcore ad oggi la vita di Rasty Kilo (all’anagrafe Riccardo Puggioni), rapper romano classe 1988, è cambiata radicalmente. Fin dagli esordi uno stile crudo e reale ha contraddistinto l’artista, che con il tempo è passato dalle sonorità classiche di Dr Cream, passando per la Grime di Stabber e le produzioni eclettiche di Night Skinny. Il suo percorso solista comincia nel 2011 con “Scandalo”, ma solo nel 2016 arrivò il riconoscimento nazionale, grazie alle sonorità provenienti dallo UK che lo resero un pioniere di questi suoni in Italia.
Man mano che le situazioni della vita andavano a complicarsi – Rasty nel 2017 venne condannato a dieci mesi di domiciliari per possesso di marijuana –, le sonorità andavano ad incupirsi, così come le liriche.
“Cinzia” è il resoconto della vita di periferia: il filo conduttore del disco è un ritratto amaro della vita ad Ostia, e descrive sia la fame che la voglia di rivalsa di Rasty. Tracce come “Su Mia Madre”, “Air Force Bianca” e “Malavita” raccontano una vita da film, peccato sia tutto reale. Il rapper fin da ragazzino ha dovuto aiutare la famiglia a mantenersi, e per farlo ha scelto la via più veloce: quella dello spaccio. “Nevica” è una traccia in cui viene raccontato l’acquisto di cocaina da cucinare e poi rivendere, mentre in “Droga” viene evidenziata la facilità nel fare soldi dal nulla con le sostanze stupefacenti.
Ad arricchire i testi colmi di rabbia ci pensano le produzioni, affidate ai collaboratori storici del rapper che sono riusciti a creare un suono vario e coerente, e le collaborazioni con gli artisti più in vista della scena. “Cinzia” non è il solito album dedicato alla madre, è un lavoro ricco di spunti di riflessione con il quale il rapper chiede scusa per la propria condotta, sancendo così i primi passi verso un cambiamento che se avverrà realmente gioverà anche alla sua carriera musicale. 

TRACCIA PREFERITA : “Nevica”

TESTI
3.7/5
MUSICA
4/5
ORIGINALITA'
3.7/5

Tags: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.