info@primoascolto.it

RENATO ZERO – ZERO IL FOLLE [RECENSIONE]

Tra i progetti più attesi dell’autunno 2019 spicca sicuramente l’ennesimo, nuovo album di Renato Zero, per la precisione il ventinovesimo in studio: “Zero il Folle”, infatti, ha finalmente visto la luce lo scorso venerdì, dopo aver realizzato l’impossibilità di vedere pubblicare il progetto il giorno del compleanno dell’artista, quattro giorni prima.

“Zero il Folle” arriva a due anni di distanza dall’ultimo lavoro inedito “Zerovskij”, accolto tiepidamente dalla critica ma capace di collezionare l’ennesimo disco d’oro, debuttando inoltre in vetta alle classifiche di vendita: se in quel caso si decise per un doppio cd, per questo lavoro l’artista romano decide di racchiudere i propri concetti in tredici brani, senza avvalersi di alcuna collaborazione.

L’album si apre con “Mai più da soli”, dove l’artista si dimostra un abile paroliere nel rapportarsi con le nuove tendenze e la tecnologia; “Viaggia”, invece, esorta ad assimilare esperienze girando per il mondo: un modo per capire, esplorare e fare pace con se stessi.

“La culla è vuota”, con un testo pungente in pieno stile Zero, invita a procreare per risollevare le sorti del paese; “Un uomo è” si focalizza invece sulle varie sfaccettature comportamentali e caratteriali dell’essere umano.

“Tutti sospesi”, uno dei nostri brani preferiti, parla di un mondo ormai troppo influenzato dai suoi stessi imprevisti; “Quanto ti amo” è capace di cambiare completamente la piega critica presa dal lavoro, grazie alla spassionata dichiarazione d’amore inclusa nel testo.

La settima traccia dell’album, “Che fretta c’è”, critica i ritmi frenetici della vita moderna, anticipando le confessioni della peccatrice e trasgressiva “Uffico reclami”; “Questi anni miei”, invece, è capace di placare nuovamente gli ardori  grazie al suo ritmo riflessivo che trasforma l’intero brano in una spassionata ballad emotivamente impegnata.

“Figli tuoi”, decima traccia di “Zero il folle”, presenta uno dei testi più controversi dell’intero album: pur apprezzando le opportunità che la vita ci concede, l’intero testo rimarca sopratutto le difficoltà di un’esistenza poco supportata; “La vetrina”, singolo che ha anticipato l’album, è un inno alla vita e ad abbandonare vizi ed aspettative esagerate, in modo da godersi ciò che il destino ha disegnato per noi.

L’album va a chiudersi con “Quattro passi nel blu”, una toccante dedica ai maestri del passato, che anticipa l’ultima traccia dell’album, ovvero quella che dà il nome all’intero progetto: in “Zero il folle” vengono frettolosamente allontanate le aspettative goliardiche del titolo, rimpiazzate in maniera esplicita da un testo riflessivo, profondo e molto intimo, dove Renato omaggia l’estroversione del suo personaggio che gli ha permesso di produrre atteggiamenti e testi difficilmente consoni, ma paralleli alla sua “Follia”. 

In conclusione, l’album di Renato Zero è stato abile nel smentire il dubbio della critica, che sottolineava la mancanza di argomentazioni da parte dell’artista romano negli utimi progetti: “Zero il folle” dimostra le capacità del sessantanovenne cantautore di stare al passo coi tempi, mostrando e rivelando un lato di sè che faticava effettivamente ad emergere negli ultimi lavori. 
Ben fatto, Maestro!

 

TRACCIA PREFERITA: TUTTI SOSPESI

GIUDIZIO FINALE
7.5/10
Utilizzando questo link potrete ottenere “ZERO IL FOLLE”, il nuovo album di RENATO ZERO, il prima possibile e comodamente a casa: PRIMO ASCOLTO è diventata partner ufficiale AMAZON, ed oltre a garantire la spedizione tramite i loro corrieri ti offre il servizio di assistenza pre e post vendita.
Se sei cliente AMAZON PRIME

Acquistando dal nostro sito tramite il link qui sotto che porta ad Amazon, riceverete a casa vostra nei tempi previsti dalla spedizione il prodotto selezionato; inoltre, potrete usufruire dell’assistenza gratuita fornita da Primo Ascolto, che vi indicherà come procedere per preordinare ed effettuare l’acquisto in caso di necessità. 
Non se cliente Amazon Prime? Contattaci col form qui sotto, te lo spediamo noi!! 

 
CONTATTACI
Please follow and like us:
error

Tags: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *