info@primoascolto.it

Repetita Iuvant – 3 + 1 [RECENSIONE]


L’accademismo può certamente dare frutti meravigliosi e carichi di significato, ma diversi sono i momenti storico-culturali dove si è assistito alla nascita di forti sentimenti antiaccademici che ne hanno fatto oscillare, se non addirittura crollare, la loro supremazia. Basti pensare alla pittura o alla scultura nel tardo Ottocento dove, parallelamente allo sviluppo dell’idea che l’arte non sia soltanto rappresentazione della realtà, crebbero diversi sentimenti estetici circa la perdita della materia e l’esaltazione dell’impressione.
Un discorso analogo può sicuramente riguardare l’emergente gruppo “Repetita Iuvant”, formatosi a La Spezia da Andrea Testa (batterista), Cristoforo da Costa (chitarra) e Daniele Isetta (chitarra) e, in particolare, il loro nuovo EP intitolato “3+1”.
La libertà dai limiti spesso imposti da un fare accademico troppo ferreo si concretizza ulteriormente se si prende in considerazione il fatto che quest’ultimo EP costituisce un passo in avanti nella creazione della loro trilogia sonora, iniziata con l’EP d’esordio “3” nel 2020.
Nonostante il già detto sentimento antiaccademico, la loro musica però non ha come obiettivo quello di rivoluzionare le forme tradizionali ma, piuttosto, quello di renderle malleabili attraverso suggestioni ed emozioni originali, nel senso di proprie, autentiche, le quali trasformano lo scorrere musicale in massa sonora cangiante e in continua trasformazione.
In quest’operazione entrano in soccorso elementi psichedelici, rumoristici e industrial che, penetrando all’interno di atmosfere ambient-rock, vanno ad accrescere la vividezza dei paesaggi sonori descritti nelle singole tracce, creando così un prodotto musicale di grande ingegno e originalità.

TRACCIA PREFERITA: Piuno

 

MUSICA
4/5
ORIGINALITA'
3.7/5

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *