info@primoascolto.it

SAMURAI JAY – LACRIME [RECENSIONE]

Uno degli artisti più attesi al debut album tra quelli esplosi recentemente è Samurai Jay, rapper 22enne di Marano di Napoli.
“Lacrime” è il titolo del suo progetto: tredici brani, impreziositi da quattro ospiti di rilievo e da un livello produttivo (curato principalmente da Dat Boi Dee) molto ben assortito in cui vengono utilizzate le sonorità più mainstream del momento, dal hip-hop più classico (come nella titletrack dell’album) alla trap più cruda, passando per il reggaeton e l’urban pop, quest’ultimo parte integrante di molti ritornelli (“Ricordi” ad esempio, o più marcatamente in “Eroi”, o in “Canzoni d’amore” con Rkomi).
Le liriche di “Lacrime” sono piuttosto intime, e cercano di raccontare all’ascoltatore la persona di Gennaro (vero nome dell’artista) con introspezione e senso d’appartenenza; a ciò si alternano le complicazioni sentimentali ed emotive raccontate dall’autore, spesso costretto a delle profonde riflessioni (“Non mi chiami mai” docet).
Samurai Jay non è un precursore dell’extrabeat, ma si era già capito dai brani che ce lo hanno fatto conoscere: ha comunque un flow molto riempitivo che ben si adatta a qualsiasi contesto, e che rende “Lacrime” un prodotto piuttosto interessante. 

TRACCIA PREFERITA: EROI

TESTI
3.5/5
MUSICA
3.7/5
ORIGINALITA'
3.7/5

Tags: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.