info@primoascolto.it

Sangiovanni – Perso nel buio (feat. Madame) [RECENSIONE]

Sangiovanni ritorna con quello che è, fino ad ora, il suo pezzo più intimo e profondo. L’artista classe 2003, rivelazione pura del talent show Amici, dopo l’enorme successo ottenuto attraverso i suoi singoli e l’EP omonimo uscito da pochi mesi che hanno fruttato al giovane una collezione a dir poco invidiabile di dischi di platino, lascia tutti stupiti partorendo quello che è un punto di vista completamente diverso su questo personaggio. In “Perso nel buio” infatti possiamo percepire la conseguenza, molto spesso velata, che inevitabilmente colpisce chiunque dopo un successo così improvviso e clamoroso. Nel giro di pochi mesi, infatti, Sangiovanni è passato dall’essere un’artista sconosciuto a una rivelazione musicale capace di stravolgere tutta la scena. Di conseguenza l’impatto sulla vita di questo ragazzo poco più che diciottenne è stato talmente pesante da creare in lui paranoie, dubbi, domande, un turbinio di pensieri che, come il titolo stesso suggerisce, lo fanno perdere nel buio, senza trovare la strada per dipanare la matassa del successo. In suo aiuto giunge una voce amica, una speranza concreta nonché un’altra artista giovane e talentuosa, realmente amica di Sangiovanni anche nella vita: Madame. Il brano è di fondo un dialogo fra i due cantanti, con lui che chiede aiuto e supporto e lei che glielo assicura, tranquillizzandolo e decostruendo tutte le paranoie assolutamente inutili e deleterie che vanno ad avvelenare la bellezza di questo momento magico per la sua carriera artistica. Sangiovanni mostra un lato di sé inedito, preferendo da sempre portare canzoni con un mood decisamente più positivo, sprigionando good vibes in ogni testo. Con “Perso nel buio” la sua penna ha voluto delineare le difficoltà e le paura di una sfida tanto grande come la gestione del successo, mostrando quanto a volte basti una persona cara al proprio fianco per superare tutto.

 

TESTI
3.5/5
MUSICA
3.5/5
ORIGINALITA'
3.7/5

Tags: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *